Supportare i giovani talentuosi
«Un progetto mirato alla crescita degli enti accreditati, inserito in regime di sussidiarietà nel sistema regionale dotale di sostegno al lavoro»: sono le parole del prof. Eugenio De Caro, referente per i progetti della cooperativa Foppa Group, nonché vice direttore dell'istituto Machina e coordinatore dei lavori del seminario. Un seminario collocato «all'interno di un sistema formativo - prosegue De Caro - orientato alla risposta delle istanze che emergono dal mercato». Non si tratta esclusivamente di «accompagnare chi abbia perso il lavoro verso il reinserimento», ma pure di supportare «i giovani talentuosi affinché possano portare il loro contributo all'innovazione». Il seminario di giovedì, in particolare, si concentrerà sull'istituto «dell'apprendistato di terzo livello - sottolinea ancora il prof. De Caro -, uno strumento pensato per la formazione apicale, di figure di alto livello, molto diffuso in altri Paesi europei, per esempio in Germania, un caso che verrà illustrato nel corso dell'incontro».  La riunione di giovedì intende così affiancare «l'aspetto scientifico di riflessione e indagine sul fenomeno - riprende Eugenio De Caro - al punto di vista di chi opera sul territorio, che spiegherà quali siano stati gli interventi di contrasto alla crisi e quali siano gli apporti invece richiesti ai giovani in termini di innovazione». In una sorta di percorso «rovesciato» rispetto all'iter della formazione liceale che, conclude De Caro, «parte dalla cultura per approdare poi, dopo la laurea, all'applicazione professionale: noi ci proponiamo un cammino trasversale che anche attraverso l'acquisizione di eccellenze professionali nel lavoro permetta di raggiungere la "modellizzazione"», al fine di «recuperare la valenza formativa del lavoro, peraltro sancita dalla Costituzione».


Giornale di Brescia, 28 Marzo 2011

Supportare i giorvani talentuosi
 
Documentazione